ENG


are we ever actually sorry?


I once made a short film “about Brexit”.

It was before lockdowns and face coverings were a trend. Before we would willingly wait for Boris to deliver his speech. Before we started washing our hands.

Let’s do things step by step though.

In a post that should have preceded this, I would have talked about choral work and more. Let’s pretend it happened and jump to the short movie “about Brexit”. The number of people involved in this project was crazy considering not a single one has been paid. Yeah, another no-budget short made with friends and friends of friends. Although, this time, I might have aimed a little too high. The intentions were there, but good intentions aren’t enough. Especially when the holdbacks are many and you’re inexperienced and unprepared. Hence, the B-movish result you can watch on my website. But, hey, some folks in Los Angeles gave it an honourable mention, so it mustn’t be THAT bad.

Anyway, Brexit.

Or Europe. What is Europe? Not a great idea. Maybe, a decent idea executed very poorly. There isn’t any sense of that community, or better union, that should be at its foundation. I guess you have a taste of it if you’re a multinational corporate that gets exemptions on border fees and taxes and stuff like that. But, well, we’re not. And borders are still harmful for us, little, simple, weak human beings. And since borders together with an endless list of restrictions (tons of them focusing on food) are at the roots of many evils, you would think that a campaign built around a plan to make those borders more harmful and those restrictions stricter, should’ve easily lost.

Instead, Brexit won. While I was just six months into my acculturation process. And the Brits had already lost so many points before my young and dreamy eyes. And it was only 7am.

Fun thing is Brexit was also built around a hypothetical plan that would’ve brought many golden pieces into the NHS pockets.
Fast forward to 2020 and the UK, like almost anyone else, has to go on a lockdown because the public health system doesn’t have enough space in their hospital for people who are meant to be in a hospital. Which is already a common hospital issue in many countries, even without a pandemic. Thus, an already inhuman and very user-unfriendly public service becomes even more so when forced to reject anyone who isn’t on a life-threatening state of emergency.
And so our PM says we should get ready to see our relatives die. Then, he goes back on that, without apologising. His best friend forever is caught going on holiday during a national lockdown. No one is hold accountable, no one apologises. We leave the lockdown, we are allowed to do everything, we get discounts on our dinners out! And there’s a spike in the cases, more restrictions are added. The rise in cases doesn’t stop, the restrictions are ineffective, we go on another lockdown. Once more, nobody is hold accountable, nobody apologises.

In the meantime, the American Presidential Election happens, and my thoughts go to Joe and Kamala. And while we don’t want to make it all always about the Americans, they happen to be one of the biggest and most powerful countries in the world, so, somehow, sometimes, they matter. I mean, we could stop watching the Oscars and every single Hollywood movies and focus more on Eastern Asian filmography as a starting point. But let’s go back to Kamala and Joe for now. Who happen to be the best incarnation ever of “the lesser evil”. Honestly, who would vote for Joe? It wouldn’t even be a choice in a different scenario. And Kamala breaks records, but, well, also Obama did. And we all know how it ended. Moreover, like every progressive leftist likes to remind, they have taken some very despicable choices in the past. Very very bad.

Then can you imagine what? Both Kamala and Joe apologised. Cool, right?

If it wasn’t that they apologised only for “some” of those things. And they did it in a very bad way.

You can’t just use the word sorry and believe that you’ve magically created an apology. Sometimes being sorry doesn’t even really matter. There is more to be done to craft a decent apology. And while, on one side, we should be pleased for Trump has gone (?), on the other, we should keep an eye on so-called progressiveswho are not regretful of their most oppressive past choices. And while this crazy year is about to meet its end, I’m left wondering when we’ll dropping the Never Apologize, Never Explain motto in favour of more humane leaders?

I lost track of myself. Again.

We’re not talking about Brexit that much anymore, but it will happen anyway. Actually, it is happening. And it will put problems on top of other problems. And guess who’s going to pay for those problem? Jeff Bezos?

Why can’t we request for more humane governments? Why don’t we push for inclusive politics? Why don’t we apologise for our past wrongdoings and then commit to do better? Why don’t we admit and accept being interdependent and build on it rather than persevering independence and individualism?

I truly don’t know. Will I ever know? Who knows.

A French, A German And An Italian Walk Into A Café… is a story set in an alternative (?) near future where Brexit happened and three immigrants meet to plan an attack to the new (?) oppressive government. But accents aren’t always what they sound like.

Feel free to watch it by clicking here.

Original Cover Art: Luca Albanese
Original Poster Design: Marta Cubeddu

Peace & Serenity


ITA

siamo mai veramente dispiaciuti?

Ci fu un tempo in cui feci un cortometraggio “sulla Brexit”.

Era prima che i lockdown e le mascherine diventassero tendenza. Prima che aspettavamo volentieri il discorso giornaliero di Boris . Prima di iniziare a lavarci le mani.

Procediamo un passo alla volta peró.

In un post che avrebbe dovuto precedere questo, avrei parlato di lavoro corale e altro. Facciamo finta sia accaduto e colleghiamoci al cortometraggio “sulla Brexit”. Il numero di persone coinvolte in questo progetto è stato pazzesco considerando che non ne è stato pagato nemmeno uno. Già, un altro corto senza budget realizzato con amici e amici di amici. Anche se, questa volta, avrei potuto mirare un po’ meno in alto. Le intenzioni c’erano, ma le buone intenzioni non sono sufficienti. Soprattutto quando gli ostacoli sono molti e sei inesperto e impreparato. Da qui, il risultante B-movie che puoi guardare sul mio sito web. Ma, ehi, alcune persone a Los Angeles gli hanno dato una menzione d’onore, quindi, non deve essere così male.

Comunque, Brexit.

O l’Europa. Cos’è l’Europa? Non è una grande idea. Forse un’idea decente eseguita molto male. Non si avverte da nessuna parte quel senso di comunità, o meglio unione, che dovrebbe essere alla sua base. Immagino che tu ne abbia un assaggio se sei una multinazionale che ottiene esenzioni su tasse e dogane e cose del genere. Ma, beh, noi non lo siamo. E i confini sono ancora pericolosi per noi, piccoli, semplici, deboli esseri umani. E poiché i confini, insieme a un elenco infinito di altre restrizioni (molte delle quali relative al cibo) sono alla radice di molti mali, si potrebbe pensare che una campagna costruita attorno a un piano per rendere quei confini più pericolosi e quelle restrizioni più severe, avrebbe dovuto facilmente fallire.

Invece, la Brexit ha vinto. Mentre ero solo sei mesi nel mio processo di acculturazione. E gli inglesi avevano già perso tanti punti davanti ai miei occhi giovani e sognanti. Ed erano solo le 7 del mattino.

La cosa divertente è che anche la Brexit è stata costruita attorno a un piano ipotetico che avrebbe portato molti pezzi d’oro nelle tasche del NHS (la sanitá “pubblica” inglese).

Saltiamo direttamente al 2020 e il Regno Unito, come quasi tutti, deve andare in lockdown perché il sistema sanitario pubblico non ha abbastanza spazio negli ospedali per le persone che dovrebbero essere in un ospedale. Il che è già un problema ospedaliero comune in molti paesi, anche senza una pandemia. Pertanto, un servizio pubblico già inumano e molto ostile ai suoi utenti lo diventa ancora di più quando è costretto a rifiutare chiunque non si trovi in uno stato di emergenza potenzialmente letale.

E così il nostro Primo Ministro dice che dovremmo prepararci a vedere i nostri parenti morire. Poi, fa retromarci, ma senza scusarsi. Il suo migliore amico per sempre viene sorpreso ad andare in vacanza durante un lockdown nazionale. Nessuno è ritenuto responsabile, nessuno si scusa. Fine de lockdown, possiamo fare tutto, otteniamo sconti sulle nostre cene al ristorante! E c’è un picco nei casi, vengono aggiunte ulteriori restrizioni. L’aumento dei casi non si ferma, le restrizioni sono inefficaci, entriamo in un altro lockdown. Ancora una volta, nessuno è ritenuto responsabile, nessuno si scusa.

Nel frattempo, si svolgono le elezioni presidenziali americane e il mio pensiero va a Joe e Kamala. E anche se non vogliamo che tutto riguardi sempre gli americani, capita che siano uno dei paesi più grandi e potenti del mondo, quindi, in qualche modo, a volte, contano. Voglio dire, potremmo smettere di guardare gli Oscar e ogni singolo film di Hollywood e concentrarci maggiormente sulla filmografia dell’Asia orientale come punto di partenza. Ma torniamo a Kamala e Joe per ora. I quali sono stati la migliore incarnazione di sempre del “male minore”. Onestamente, chi voterebbe per Joe? Non sarebbe nemmeno una scelta in uno scenario diverso. E Kamala batte tanti record, ma, beh, anche Obama lo ha fatto. E sappiamo tutti come è andata a finire. Inoltre, come piace ricordare a tutti i progressisti di sinistra, in passato hanno fatto scelte davvero spregevoli. Molto molto male.

Allora puoi immaginare cosa? Sia Kamala che Joe si sono scusati. Fantastico, vero?

Se non fosse che si sono scusati solo per “alcune” di quelle cose. E lo hanno fatto in un modo molto brutto.

Non puoi semplicemente usare la parola scusa e credere di aver creato magicamente delle scuse. A volte dispiacersi non ha nemmeno molta importanza. C’è ancora molto da fare per formulare scuse decenti. E se da un lato dovremmo essere contenti che Trump se ne sia andato (?), Dall’altro dovremmo tenere d’occhio i cosiddetti progressisti che non si pentono delle loro scelte passate più oppressive. E mentre quest’anno folle sta per finire, mi chiedo quando abbandoneremo il motto Never Apologize, Never Explain a favore di leader più umani?

Ho perso il filo del discorso. Ancora una volta.

Non parliamo più molto di Brexit, ma accadrà comunque. Infatti, sta già accadendo. E metterà i problemi in cima ad altri problemi. E indovina chi pagherà per questo problema? Jeff Bezos?

Perché non possiamo richiedere governi più umani? Perché non spingiamo per una politica inclusiva? Perché non ci scusiamo per le nostre colpe passate e poi ci impegniamo a fare meglio? Perché non ammettiamo e accettiamo di essere interdipendenti e non costruiamo su ciò essa invece che perseverare verso indipendenza e individualismo?

Davvero non lo so. Lo saprò mai? Chissà.

A French, A German And An Italian Walk Into A Café… è una storia ambientata in un futuro prossimo alternativo (?) In cui è avvenuta la Brexit e tre immigrati si incontrano per pianificare un attacco al nuovo (?) Governo oppressivo. Ma gli accenti non sono sempre quello che sembrano.

Sentiti libero di guardarlo cliccando qui.

Copertina originale: Luca Albanese

Poster design originale: Marta Cubeddu

Pace & Serenità

back