can I please say something?/posso dire una cosa per favore?

ENG

Second post connected to the reasons why I started writing these posts. Reasons which are both intimate and social. These posts are a personal way to process thoughts and research, that now more than ever tend to overlap and overwhelm my bald persona. But they are also a position I decided to take as “talking voice”. In a time when more than any other time communication is immediate and capable of virtually reaching anyone (who has access to the magic of the internet), the humankind decided once more that spreading hatred and violence is the best and most useful application of our technological evolution.

I’m not talking about the usual alt-right twitter account casually dropping racist statements. I’m more specifically addressing to a way more influential and known person like J. K. Rowling who, in the middle of a global pandemic and amidst fights for structural (and non-structural) racism, thought appropriate to write a long public letter telling us she’s transphobic and why. I’m pretty sure almost everyone is aware of the consequences of this very appalling move (which still endures), but in case you are not, I think the synthesis Glamrou does in this interview is sufficient to be back on track:

Like any other form of oppression, transphobia has two parties involved at least: oppressed and oppressors. If the oppressors start publicly writing about their desire for oppression, the minimum we can expect is a public backlash over those assertions. Something Rowling didn’t (and has never) appreciate(d). And to be sure we all knew she doesn’t like being contradicted, she co-signed a very short letter with a very long signature section against the so-called “cancel culture”. Now, there is an endless list of references regarding these subjects I would gladly share, but we’re stingy with time as we are with money due to the capitalistic equivalence between the two, so I’ll keep it short.

What do we need to know about the Rowling’s letter? Nothing. But, we can read the Mermaid’s letter answering the Rowling’s one. They reference all the inappropriate and harmful statements lacking real sources and proofs giving us a clearer and truthful picture. Then, we might want to read a constructive opinion about the Harper’s letter and, if feeling rich in time, go deeper in the readings and look for the references in the opinion. Finally, we might want to give a look at someone trying to give an honest three-dimensional analysis of the cancel culture concept.

As stated in some of the articles linked above, cancel culture is a problematic subject. Seen as the only defence for the masses, while depicted as the new Inquisition by some others, it also has a questionable record so far. Ineffective against famous/notorious/rich people, too effective against minorities, generally confused with call-out culture and already appropriated by conservatives/alt-right individuals as a weapon of mass destruction. Once again, we deal with a concept with so many shades of grey we aren’t even able to count them all. However, our only response is to cage it into the umpteenth binary connotation of either good or bad. Never mind trying to start a real conversation. And this is why what Rowling shares with any other regular anti-anti-fascist is the belief that, once a hateful statement is posted online, any comment which doesn’t agree with it is part of a hypothetical cancel culture scenario where they are the victims. Whilst it is nothing but the foundation of what they all romantically fight for: freedom of speech.

A while ago, I would have said I don’t believe in freedom of speech. Now, I don’t even think the concept in itself has ever had an actual realisation. I see all of the speech but none of the freedom. What I tend to call the attention upon is education to speech. Once a person acknowledges being in possession of such a beautiful thing (speech), being the aforementioned thing of great use and great power in our society, this one person should do everything in their power (and then do more) to gain full control of their speech and employ it accordingly. And at the basis of speech we have nothing more than our friend language. Language tells us that ignorance is not a blessing. Nonetheless, we tend to fill the uninformed ranks more often than the villains ones. Yet, this doesn’t mean uninformed people are either justified or excused, neither that being uninformed saves you from being a villain. On the contrary, the problem with villainy on Earth and the Internet is that uninformed people are generally the patient zero of misinformed online threads and campaigns.

Let’s think about that lucid acid dream called social networks. Hyperconnectivity and 15 minutes of fame all in one go. And the main gathering point for the uninformed speech. Posting, commenting, liking, sharing, following. Pretty basic and straightforward for most of us. Although we still manage to mess it up on a grand scale. I went back to social media recently after a long break in which I chose Instagram as my only platform and pictures as my main form of communication. I’m now back on Twitter and Facebook and back to reading and commenting. In no time, I’ve stumped upon countless number of foolish uninformed people. Still, I have also met a huge number of uninformed people with no other adjective (for now). Those uninformed people are generally asking very misinformed questions instead of directly looking for information on that sea they’re navigating already called the internet. They generally don’t have a clear understanding of what asking that specific question might imply and don’t even care if the person they’re asking the question to is the most qualified to give them the answer they need. Once the question is asked, it will live (possibly forever) in a social limbo where it will be read by other users who might answer or not. The worst case scenarios are: a misinformed answer from a foolish uninformed person who will add to the misinformation of the uninformed people with no adjective; a “woke” individual who might tell them off and activating a deflecting defensive mechanism in the uninformed with no adjective making them immune to the right information (if they will ever happen to find it). I do believe in self-improvement and in the importance of constantly working on ourselves, but I also want to believe in help and support from the community. Thus, I started answering those questions. I tend to give the best answer I can and then invite to follow useful links for more in-depth information. Sometimes I team-up with other involuntary fellow answerers who know better and more and are able to deliver more appropriate answers. To be honest though, any attempt to inform people has resolved in a failure so far.

Why have I started a post on cancel culture to then swing towards social networks and my personal failures? Because I believe that the only way to change the society we live in (and the only approach people who don’t want to change it use) is starting a conversation. Which is also what the collective So Many of Us believes in. In the outcome of a new wave of #MeToo hitting the American comic books industry and focused on what is called “grooming”, a group of over sixty women and non-binary individuals, victims of the same one author, Warren Ellis, decided to team-up to protect themselves and whoever is or might be in their same position. SMoU stated that they don’t want to “cancel” Warren Ellis, they would rather see him get in touch with them in order to start a process of healing and reparation which will eventually involve the whole system/industry. Burning Transmetropolitan today won’t stop a sexual harassment from happening tomorrow. Starting to talk about it and dealing with what and why is wrong in the industry (and the whole society) might diminish the harm done in the future. Which is what we should all aim for. That is a better future.

There are so many things we, as humankind in general and cis straight (white) male in particular, should unlearn and so many more things we should relearn. It would be amazing if, one day, all of us, the majority in power, when feeling “attacked” as a “category”, would start asking ourselves why is this happening to us right now. Start questioning what we said, where it came from, on what knowledge it’s based and the validity of that source. It will be a beautiful and never too late day when we will finally admit we are broken.

Peace & Serenity


ITA

Secondo post collegato ai motivi per cui ho iniziato a scrivere questi post. Ragioni che sono sia intime che sociali. Questi post sono un modo personale per elaborare pensieri e ricerche, che ora più che mai tendono a sovrapporsi e sopraffare la mia calva persona. Ma sono anche rappresentazione della posizione di “voce parlante” che ho deciso di assumere. In un’epoca in cui più di ogni altra epoca la comunicazione è immediata e in grado di raggiungere praticamente chiunque (abbia accesso alla magia di Internet), l’umanità ha deciso ancora una volta che diffondere odio e violenza sia l’applicazione migliore e più utile che si possa fare della nostra tecnologica evoluzione.

Non sto parlando del solito account twitter alt-right che rilascia casualmente dichiarazioni razziste. Il mio pensiero si rivolge nello specifico a quelle persone influenti e conosciute come J. K. Rowling che, nel mezzo di una pandemia globale e nel vivo di rinate lotte contro il razzismo strutturale (e non strutturale), ha ritenuto opportuno scrivere una lunga lettera pubblica informandoci del fatto che sia transfobico e del perché. Sono abbastanza sicuro che quasi tutti siano a conoscenza delle conseguenze di questa mossa spaventosa (la quale ancora persiste), ma nel caso in cui cosí non fosse, sono certo la sintesi che Glamrou fa in questa intervista sia un sufficiente aggiornamento:

Come ogni altra forma di oppressione, la transfobia ha almeno due parti coinvolte: oppressi e oppressori. Se gli oppressori iniziano a scrivere pubblicamente sul loro desiderio di oppressione, il minimo che possiamo aspettarci è un contraccolpo pubblico su queste affermazioni da parte degli oppressi. Qualcosa che Rowling non ha (e non ha mai) apprezzato. E per essere sicuri che tutti sapessimo quanto poco le piaccia essere contraddetta, ha firmato una lettera molto breve con una sezione di firme molto lunga contro la cosiddetta “cancel culture” (o, come Google traduce, “cultura dell’annullamento”, devo dire che mi piace). Ora, c’è un elenco infinito di riferimenti su questi argomenti che condividerei volentieri, ma siamo avari di tempo come lo siamo di denaro a causa dell’equivalenza capitalistica tra i due, quindi sarò breve.

Cosa dobbiamo sapere sulla lettera della Rowling? Niente. Ma possiamo leggere la lettera di Mermaids di risposta alla sopracitata. Fanno riferimento a tutte le dichiarazioni inappropriate e dannose prive di fonti e prove reali e ci donano un quadro più chiaro e veritiero della situazione. Quindi, potremmo voler leggere un’opinione costruttiva sulla lettera di Harper’s e, nel caso in cui ci sentissimo ricchi di tempo, approfondire le letture e cliccando sui riferimenti all’interno del pezzo. Infine, potremmo voler dare un’occhiata a qualcuno che cerca di dare un’onesta analisi tridimensionale del concetto di cancel culture.

Come affermato in alcuni degli articoli linkati sopra, la cancel culture è un argomento problematico. Considerata l’unica difesa per le masse da alcuni, descritta da altri come la nuova Inquisizione, ha finora registrato un record discutibile. Inefficace contro i personaggi famosi / noti / ricchi, troppo efficace contro le minoranze, generalmente confusa con la “call-out culture” e già appropriata da conservatori/alt-right come arma di distruzione di massa. Ancora una volta, abbiamo a che fare con un concetto dotato di così tante sfumature di grigio che non siamo nemmeno in grado di contarle tutte. Nonostante ciò, la nostra unica reazione è metterla in gabbia nell’ennesima connotazione binaria di buono o cattivo. A nessuno importa provare a iniziare una vera conversazione a riguardo. Ed è per questo che ciò che Rowling condivide con qualsiasi altro anti-antifascista medio è la convinzione che, una volta pubblicata un’affermazione odiosa online, qualsiasi commento che non sia d’accordo fa parte di un ipotetico scenario di “cultura dell’annullamento” di cui sono vittime. Mentre non è altro che il fondamento di ciò per cui tutti loro lottano romanticamente: la libertà di parola.

Qualche tempo fa, avrei detto di non credere nella libertà di parola. Ora, non penso nemmeno che il concetto in sé abbia mai avuto una concreta realizzazione. Vedo molta parola ma nessuna libertà. Ciò su cui preferisco richiamare l’attenzione è invece l’educazione alla parola. Una volta che una persona riconosce di essere in possesso di una così bella cosa (la parola), essendo la suddetta cosa di grande utilità e grande potere nella nostra società, questa persona dovrebbe fare tutto ciò che è nelle sue possibilità (e poi fare di più) per ottenere il pieno controllo della propria parola e utilizzarla di conseguenza. E alla base della parola non abbiamo nient’altro che il nostro amico linguaggio. Il linguaggio ci dice che l’ignoranza non è una benedizione. Tuttavia, tendiamo a riempire i ranghi dei disinformati più spesso di quelli dei cattivi. Ad ogni modo, ciò non significa che le persone disinformate siano giustificate o scusate, né che essere disinformate ci salvi dall’essere un cattivo. Al contrario, il problema del male sulla Terra e su Internet è che le persone non informate sono generalmente il paziente zero di discussioni e campagne online basate su disinformazione.

Pensiamo a quell’acido sogno lucido chiamato social network. Iperconnettività e 15 minuti di fama in un colpo solo. E anche il principale punto di raccolta per il discorso disinformato. Pubblicare, commentare, likare, condividere, seguire. Abbastanza semplice e diretto per la maggior parte di noi. Anche se riusciamo ancora a rovinare tutto su grande scala. Di recente sono tornato sui social media dopo una lunga pausa in cui ho scelto Instagram come unica piattaforma e immagini come principale forma di comunicazione. Ora sono di nuovo su Twitter e Facebook e ho ripreso a leggere e commentare. In pochissimo tempo, mi sono imbattuto in innumerevoli persone sciocche e disinformate. Tuttavia, ho anche incontrato un numero enorme di persone non informate senza nessun aggettivo aggiunto (per ora). Quelle persone non informate fanno generalmente domande molto disinformate invece di cercar informazioni direttamente su quel mare che stanno già navigando chiamato Internet. In genere, non hanno una chiara comprensione di ciò che potrebbe comportare quella domanda specifica e non si preoccupano nemmeno se la persona a cui stanno ponendo la domanda è la più qualificata per dar loro la risposta di cui hanno bisogno. Una volta che la domanda viene posta, vivrà (possibilmente per sempre) in un limbo sociale dove verrà letta da altri utenti che potrebbero rispondere o meno. Gli scenari peggiori sono: una risposta male informata da una persona sciocca e disinformata che aggiungerà alla disinformazione delle persone non informate senza aggettivo aggiunto; un individuo “woke” che potrebbe rimproverarlo e attivare un meccanismo difensivo deviante nel non informato senza aggettivo aggiunto rendendolo immune alle informazioni giuste (se mai accadrà loro di trovarle). Io credo nell’auto-miglioramento e nell’importanza di lavorare costantemente su noi stessi, ma voglio anche credere nell’aiuto e nel sostegno della comunità. Quindi, ho iniziato a rispondere a queste domande. Tendo a dare la migliore risposta possibile per, poi, invitare a seguire link utili per informazioni più approfondite. A volte faccio squadra con altri involontari compagni di risposta che conoscono meglio e di più e sono in grado di fornire repliche più appropriate. A essere onesti, tuttavia, qualsiasi tentativo di informare persone non informate si è finora risolto in un fallimento.

Perché ho iniziato un post sulla cultura dell’annullamento per poi spostarmi verso i social network e i miei fallimenti personali? Perché credo che l’unico modo per cambiare la società in cui viviamo (e l’unico approccio che le persone che non vogliono cambiarlo usino) sia iniziare una conversazione. Questo è anche ciò in cui crede il collettivo So Many of Us. Come conseguenza di una nuova ondata di #MeToo che ha colpito l’industria americana dei fumetti concentratosi su quello che viene chiamato “grooming“, un gruppo di oltre sessanta donne e individui non binari , tutt* vittim* dello stesso autore, Warren Ellis, hanno deciso di unirsi per proteggere se stess* e chiunque si trovasse o potesse trovarsi nella loro stessa posizione. SMoU ha dichiarato di non voler “cancellare/annullare” Warren Ellis, preferirebbe anzi che entrasse in contatto con loro al fine di avviare un processo di guarigione e riparazione che possa coinvolgere l’intero sistema/industria. Bruciare Transmetropolitan oggi non fermerà le molestie sessuali che accadranno domani. Iniziare a parlarne, invece, e occuparsi di cosa e perché è sbagliato nel settore (e nell’intera società) potrebbe ridurre il danno arrecato in futuro. Questo è ciò a cui tutti dovremmo mirare. Questo è il futuro migliore.

Ci sono così tante cose che, come umanità in generale e maschi bianchi (cis) in particolare, dovremmo disimparare e tante altre cose che dovremmo riapprendere. Sarebbe sorprendente se, un giorno, tutti noi, la maggioranza al potere, quando ci sentiamo “attaccati” in quanto “categoria”, iniziassimo a chiederci perché ciò stia succedendo proprio ora. Iniziamo a mettere in discussione ciò che abbiamo detto, la sua origine, la conoscenza sulla si bas e la validità di quella fonte. Sarà un giorno bellissimo e mai troppo tardi quando, finalmente, ammetteremo di essere rotti.

Pace & Serenità

back