where shall we start from? / da dove dobbiamo iniziare?

ENG

I have no idea.

Life is not a superhero comic book series which started in the aftermath of the Second World War – or in the second half of the European Civil War – that you can just reboot or retcon. Life started way before and, even though we try to apply to our history the same literary devices we use for our stories, there might be an easy trick to overcome the issue: to choose a different starting point.

The starting point for this blog is rooted in my need to let out through writing. But, ultimately, what pushed me to publish my first piece has been the recent “blackface in TV series” debate and the endless number of complaints and jokes and opinions lacking any sort of knowledge or context that the debate gave birth to. It started here in the UK when an old and controversial British sitcom was suddenly cancelled due to the use of blackface. This show has always had a good amount of fierce opposers due to their not-at-all-flattering representation of the British personas. Hence, the discourse around the cancellation stirred from racism to conspiracy theories in no time. I was so confused. Luckily, few days later, something similar happened in Italy and my still very monolingual Facebook feed got stormed by uncountable responses to the new cancellations. I’ve read very badly written jokes, elegantly articulated ignorant posts, and I witnessed a dude who started furiously sharing all the articles related to the matter written by the cousin of the stepbrother of the best friend of the last Buzzfeed’s intern. I blocked the dude, too stressful. Anyhow, I spent one too many moments scrolling, trying to get hold of all the posts, hoping to see something positive sooner or later, but nothing came up beside one single comment which I tried to back up. The most absurd – and yet so common – thing is that none of the talkers knew what they were truly talking about.

Before keep on reading, let’s not do the same mistake twice. We are here to widen our lore and highlight relevant voices which we might have never heard about before. Voices that know the subject way better than us all. Thus, let’s click here and read about blackface and what’s wrong with it. We can also watch this video dealing with yellowface and whitewashing in Hollywood because two is better than one, is it not? I will be waiting on the other side.

Done? Nice.

Skipping over the unjustifiable reasons which lead us to write about something we know nothing about (forgive us, Nanni), let’s deal with the possibility that for us blackface still isn’t a problem. In that case, we would either be racist or, as Michaela Coel loves to say, thoughtless. Criticism. It is always hard to digest. The moment we realise something we’ve been believing in our whole life might be feeding a bigger structural issue, that we might be wrong despite thinking we are right, that we’re part of the problem, that we are the problem. It’s hard to accept. Personally, it was harder than when my dad told me the man bringing us gifts wasn’t Santa Claus. We all accepted that though, so why do we write stupid posts instead of accepting this other truth? Is it really because we won’t be able to watch Community for the tenth time? Or we simply consider unacceptable that, by watching and laughing at a blackface, we’ve been contributing to a problem we thought we were actually fighting?

Critical thinking is not just necessary, it is indispensable. We started a global lockdown believing it was nature’s will, asking us to slow down, to think and rethink, to spare little more than a moment to analyse who we were and what we were doing. All the while, we witnessed once again the killing of black bodies and the attack to queer and diverse voices. And now – while human beings keep dying and myths are being busted – we’re leaving everything behind us, having just spat one or more venomous comments, in order to go back to the normality we were yearning for. Because it is safe. Because it is easier not to understand, to avoid any attempt to learn, it is easier to feed on our old poisonous beliefs than trying to open ourselves up to a different reality which is not just possible, it is real. What we think is new, what we think is coming up only now, it has actually always been there. We preferred not to acknowledge them instead. And now, finally, the same platforms that let the patriarchal white-supremacist evangelisation to breed are luckily giving space also to those voices who were unheard, but never silent. Who were unseen, but never invisible. Who were unaccepted, but never absent.

Our fight against the idea of “politically correct” is well addressed but ill-advised. We shouldn’t be upset because L’Oréal is not going to use the word “whitening” for their products anymore. We should be upset because L’Oréal wants us to think what they’ve done is enough to fight structural racism. We should be upset because, by obscuring a couple of TV series, Netflix wants us to believe they are our paladins. We should be upset because we know it takes more than one-off actions to change society. This is a time consuming fight, a fight we might possibly not see an ending for over our own lifetime. It is a fight we can’t win if we think making jokes is more important than protecting lives, we can’t follow the rules, the rules are unfair, we need to change them for a chance to have a fair fight. This fight will require unlearning before any new learning. This fight starts with rethinking us and our society. This fight isn’t about watching the same sitcom over and over again. This fight is about watching something you didn’t even know has been screening since the beginning of times. This fight is not about you, it’s never been. This fight is about us. The moment you stop selfishly and narrowly thinking about yourself is the moment we will have one more chance to fight back.

And on the “watching new stuff” note – which doesn’t mean recently released -, do we know there are comedy TV series out there which are funny and smart and coming from those diverse voices we promised to support? In fact, it was sad to notice that many of the people complaining about the cancelled episodes were artists and creatives, which are meant to be connected with their inner sensible self and willing to discover the undiscovered and stuff like that. Hashtag laughing out loud, right? Anyway, if you want to laugh, but you’re still unsure about this whole blackface issue, probably you should start from Dear White People (movie and TV series). Then, you can keep laughing with The Bisexual, Insecure, Chewing Gum and Broad City. There’s also Pose, which isn’t really a comedy, but an amazing uplifting work of positive representation. Uplifting and comedy combines in that outstanding animated TV series which is Steven Universe and if you like positive representation and animation, but with a bit of action in it you should definitely try She-Ra and the Princesses of Power.

I promise you it is easy to make and laugh at jokes without being homophobic, misogynist or racist. You only have to do it.

Peace & Serenity


ITA

Non ne ho idea.

La vita non è una serie supereroistica a fumetti iniziata dopo la seconda guerra mondiale – o nella seconda metà della guerra civile europea – che puoi semplicemente far riavviare o praticare del retcon. La vita è iniziata molto prima e, anche se provassimo ad applicare alla storia gli stessi dispositivi letterari che usiamo per le nostre storie, potrebbe, in realtà, esserci un trucco più semplice per superare il problema: scegliere un diverso punto di partenza.

Il punto di partenza di questo blog è radicato nella mia necessità di sfogare attraverso la scrittura. Ma, alla fine, ciò che mi ha spinto a pubblicare il mio primo pezzo è stato il recente dibattito “blackface nelle serie TV” e il numero infinito di lamentele, battute e opinioni prive di qualsiasi tipo di conoscenza o contesto a cui il dibattito ha dato vita. È iniziato qui nel Regno Unito quando una vecchia e controversa sitcom britannica è stata improvvisamente cancellata a causa dell’uso del blackface. Questo show ha sempre avuto una buona quantità di accaniti oppositori a causa della rappresentazione per nulla lusinghiera delle “personalità” britanniche. Quindi, il discorso sulla cancellazione si è mosso dal razzismo a teorie cospirative in pochissimo tempo. Ero così confuso. Fortunatamente, pochi giorni dopo, qualcosa di simile è accaduto in Italia e la mia bacheca (si usa ancora questo termine?) Facebook, prettamente monolingua, è stata presa d’assalto da innumerevoli risposte alle nuove cancellazioni. Ho letto battute scritte male, post ignoranti elegantemente articolati e ho assistito a un tipo che ha iniziato furiosamente a condividere tutti gli articoli relativi alla questione scritti dal cugino del fratellastro del miglior amico dell’ultimo stagista di Buzzfeed. Ho bloccato il tipo, alquanto stressante. In ogni caso, ho passato fin troppo tempo a scorrere, cercando di visualizzare tutti i post, sperando di trovare qualcosa di positivo prima o poi, ma non è emerso nulla al di là di un singolo commento che ho provato a backuppare. La cosa più assurda – eppure così comune – è che nessuno degli interlocutori sapeva di cosa stavano veramente parlando.

Prima di continuare a leggere, non facciamo lo stesso errore due volte. Siamo qui per ampliare la nostra conoscenza e metter in risalto voci rilevanti di cui non avremmo mai sentito parlare prima. Voci che conoscono l’argomento meglio di tutti noi. Quindi, facciamo clic qui e leggiamo riguardo la blackface e su cosa c’è che non va. Possiamo anche guardare questo video che tratta di yellowface e whitewashing a Hollywood perché du gust is megl che uan (mi è scappata). Aspetterò dall’altra parte.

Fatto? Ottimo.

Sorvolando sulle ragioni ingiustificabili che ci portano a scrivere di qualcosa di cui non sappiamo nulla (perdonaci, Nanni), affrontiamo la possibilità che per noi blackface non sia ancora un problema. In tal caso, saremmo o razzisti o, come Michaela Coel ama dire, sconsiderati. Critica. È sempre difficile da digerire. Nel momento in cui ci rendiamo conto che qualcosa in cui abbiamo creduti per tutta la nostra vita potrebbe alimentare un problema strutturale più grande, che potremmo sbagliarci nonostante pensassimo di avere ragione, che potremmo essere parte del problema, che siamo il problema. È difficile da accettare. Personalmente, è stato più difficile di quando mio padre mi ha detto che l’uomo che ci portava regali non era Babbo Natale. Volenti o nolenti, lo abbiamo accettato tutti, quindi, perché scriviamo post stupidi invece di accettare quest’altra verità? È davvero perché non avremo la possibilità di guardare Community per la decima volta? Oppure consideriamo semplicemente inaccettabile che, guardando e ridendo di una blackface, abbiamo contribuito a un problema che eravamo certi di star combattendo in realtà?

Il pensiero critico non è solo necessario, è indispensabile. Abbiamo iniziato una quarantena globale credendo che fosse la volontà della natura, che ci stesse chiedendo di rallentare, pensare e ripensare, risparmiare poco più di un attimo per analizzare chi fossimo e cosa stessimo facendo. Nel frattempo, abbiamo assistito ancora una volta all’uccisione di corpi neri e all’attacco a voci queer e diverse. E ora – mentre gli esseri umani continuano a morire e i falsi miti vengono a cadere – stiamo lasciando tutto alle nostre spalle, dopo aver sputato uno o più commenti velenosi, per tornare alla normalità che desideravamo ardentemente. Perché è sicuro. Poiché è più facile non capire. Evitare qualsiasi tentativo di apprendimento. È più facile nutrirsi delle nostre vecchie credenze velenose che cercare di aprirci a una realtà diversa, la quale non è solo possibile, è reale. Ciò che pensiamo sia nuovo, ciò che pensiamo stia emergendo solo ora, è sempre stato lì. Siamo noi ad aver preferito non riconoscerli. E ora, finalmente, le stesse piattaforme che permettono all’evangelizzazione patriarcale della supremazia bianca di proliferare, sono le stesse che, fortunatamente, donano spazio anche a quelle voci che erano inascoltate, ma mai silenziose. Che non erano viste, ma mai invisibili. Che non erano accettate, ma mai assenti.

La nostra lotta contro l’idea di “politicamente corretto” è giusta ma sconsiderata. Non dovremmo essere arrabbiati perché L’Oréal non userà più la parola “sbiancamento” per i loro prodotti. Dovremmo essere arrabbiati perché L’Oréal vuole farci credere che ciò sia abbastanza per combattere il razzismo strutturale. Dovremmo essere arrabbiati perché, oscurando un paio di serie TV, Netflix crede di aver agito in maniera progressista, di aver cambiato il mondo in meglio. Dovremmo essere arrabbiati perché sappiamo che ci vogliono molto più che casuali azioni una tantum per cambiare la società.

Questa è una lotta che richiede tempo, una lotta di cui forse non vedremo la fine non riusciremo a vederne la fine. È una lotta che non possiamo vincere se pensiamo che fare battute sia più importante che proteggere vite. Una lotta che non possiamo combattere seguendo regole e codici in vigore. Le regole sono ingiuste, i codici sono bias, dobbiamo riscrivere e riprogrammare per avere la possibilità di una lotta giusta ed equa. Questa lotta richiederà di disimparare prima di ogni nuovo apprendimento. Questa lotta inizia con il ripensamento di noi stessi e della nostra società. Questa lotta non riguarda l’incessante visione della stessa vecchia sitcom. Questa lotta ha a che fare col guardare qualcosa che non sapevi nemmeno fosse mai stato proiettato. Questa lotta non riguarda te, non lo è mai stata. Questa lotta riguarda noi. Il momento in cui smetti di pensare in modo egoistico e ristretto a te stesso è il momento in cui tutti noi avremo una possibilità in più di poter reagire.

E sulla nota del “guardare cose nuove” – che non significa solo uscito di recente – sappiamo che ci sono serie TV comiche là fuori che sono divertenti e intelligenti e che provengono da quelle voci diverse che promettevamo di supportare? In effetti, è stato triste notare che molte delle persone lamentatesi degli episodi cancellati erano artisti e creativi, coloro i quali sono collegati con il loro io sensibile interiore e sempre affamati di cose nuovi, impegnati in curiose ricerche dell’ignoto. Hashtag grasse risate, eh? Ad ogni modo, se vuoi ridere, ma non sei ancora convinto del problema blackface, probabilmente dovresti iniziare da Dear White People (film e serie TV). Quindi, puoi continuare a ridere con The Bisexual, Insecure, Chewing Gum e Broad City. C’è anche Pose, che non è davvero una commedia, ma un incredibile lavoro edificante di rappresentazione positiva. Una commedia edificante la si può trovare in quella straordinaria serie TV animata che è Steven Universe e se ti piacciono la rappresentazione positiva e l’animazione, ma con un po’ di azione in più, dovresti assolutamente provare She-Ra e le Principesse del Potere.

Ti prometto che è facile scherzare e ridere senza essere omofobi, misogini o razzisti. Devi solo iniziare a farlo.

Pace & Serenità

back